Metabolismo di grassi e zuccheri

Integratore alimentare a base di Cromo, oligoelemento che interviene nel metabolismo dei grassi e degli zuccheri.

Il Cromo è un componente fondamentale del fattore di tolleranza al glucosio (GTF), che insieme agli ormoni ha un ruolo importante nel metabolismo dei carboidrati e nell'equibrio dei livelli ematici di zucchero. Un integrazione con Cromo può favorire il controllo della voglia di dolci e degli snack fuori pasto.

BioAttivo Cromo

Pharma Nord

30 cpr.

€9.95

Categorie correlate

[Glicemia|, Metabolismo|, Minerali|, Peso, dimagrimento & digestione|]
Stampa pagina
Informazioni nutrizionali:     Dose giornaliera (1 cpr):
Cromo     100 µg

Info prodotto

Modalità d’uso:
Si consiglia una compressa al giorno da deglutire con acqua.
Non superare le dosi raccomandate per l’assunzione giornaliera.
Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Ingredienti:
Tricloruro di cromo; Addensanti: lievito (Saccharomyces cerevisiae), maltodestrine, cellulosa microcristallina; Antiagglomerante: talco; Addensanti: Idrossipropilmetilcellulosa, Biossido di silicio; Antiagglomerante: magnesio stearato.

Conservazione:
Conservare a temperatura ambiente. Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni.
Da consumarsi preferibilmente entro la fine: vedere la data indicata al lato della confezione.

Che cos’è BioAttivo Cromo?

BioAttivo Cromo è un integratore a base di cromo contenente 100 µg di questo elemento vitale in ogni compressa. La fonte di cromo impiegata per questa preparazione viene trasformata in modo da garantire una eccellente biodisponibilità.

Che cos’è il cromo?

Il cromo è un minerale essenziale, importante per il normale metabolismo di carboidrati, lipidi e proteine. Il cromo aiuta inoltre i processi biologici coinvolti nel mantenimento, tra l’altro, dei livelli normali degli zuccheri nel sangue. Di solito, il cromo legato non organicamente presenta una scarsa biodisponibilità.


Il cromo è presente in molte cose

Normalmente si associa il cromo alla sostanza utilizzata per rivestire gli accessori sanitari o le motociclette. Il cromo usato per questi tipi di applicazioni (cromo industriale) non è presente nella biochimica umana. L’uomo necessita di cromo nella forma cosiddetta “trivalente”. Trivalente significa che questo tipo di cromo è in grado di formare tre legami chimici con altri atomi (il cromo industriale è esavalente).


L’acido lattico si lega con il cromo

Inoltre, il cromo trivalente presenta una forte affinità con l’acido lattico (lattato), il che spiega perché l’organismo soffre di carenze di cromo nelle situazioni in cui produce forti quantitativi di acido lattico, ad esempio durante intensi lavori fisici od in situazioni di insufficiente metabolismo energetico delle cellule.

Analisi alimentari condotte in scandinavia, in Inghilterra ed in America mostrano che l’apporto medio giornaliero di cromo si aggira intorno a 30-40 µg. L’EFSA (European Food Safety Authority) raccomanda un apporto giornaliero di cromo di 40 µg, mentre l’OMS considera l’assorbimento di questo elemento nutritivo sicuro sino ad un dosaggio di 250 µg al giorno


Quali cibi contengono cromo?

I seguenti alimenti rappresentano una buona fonte naturale di cromo:

  • molluschi e crostacei    
  • frutta secca       
  • uva passa
  • carne                   
  • fagioli
  • pepe nero 

Fattore di tolleranza al glucosio

Diversi studi suggeriscono che il cromo fa parte di una molecola nota come Fattore di Tolleranza al Glucosio (GTF). Oltre al cromo, il GTF è composto da niacina (una vitamina B) e dagli amminoacidi glicina, cisteina ed acido glutammico. Il GTF è un co-fattore dell’insulina ed aiuta a convogliare il glucosio nelle cellule dell’organismo.

La riserva di cromo presente nell’organismo è di circa 4-6 mg. Con l’avanzare dell’età, la concentrazione di cromo in diversi tessuti si riduce in misura significativa. Nelle persone affette da carenze di cromo sono stati osservati problemi quali un bramoso desiderio di consumare zuccheri.
 


Le spezie sono caratterizzate da un elevato contenuto di cromo e ciò spiega perché gli indiani in genere assorbono quantità maggiori di questo nutriente fondamentale.

Che cos’è lo zucchero del sangue?

Chromium reduces sugar cravingsL’espressione “zucchero del sangue” viene comunemente impiegata per indicare il livello ematico del glucosio, che rappresenta la fonte di energia dell’organismo. L’ormone insulina svolge un ruolo essenziale nel metabolismo dello zucchero, in quanto l’insulina consente allo zucchero di penetrare nelle cellule. Il cromo contribuisce a questo processo, facendo in modo che l’insulina si leghi agli appositi ricettori presenti nella membrana cellulare.

I normali valori di glucosio nell’organismo sono compresi tra 54 mg/dl - 126 mg/dl. A lungo andare, elevati livelli di glucosio nel sangue possono indurre sete, affaticamento e perdita di peso. Al contrario, una persistente carenza di glucosio nel sangue induce insonnia, irritabilità, fame, affaticamento e
difficoltà di concentrazione.

 

Un integratore di cromo può contribuire a stabilizzare i livelli degli zuccheri nel sangue. Livelli stabili di zucchero nel sangue riducono il bisogno di alimenti dolci.

  • Codice in farmacia: 903564464

 Pharma Nord Srl - Via Cipro, 1 - 25124 Brescia (BS) - Numero verde: 800 177 577