Cerca

    Search Results

    Chiudi

    Sistema immunitario maschile e femminile




    Sistema immunitario maschile e femminile

    La scienza ha recentemente scoperto che alcune cellule del sistema immunitario maschile agiscono diversamente e che ci sono cellule che comunicano direttamente con gli ormoni sessuali maschili. Questa scoperta può aiutare a capire perché certe malattie colpiscono maggiormente gli uomini rispetto alle donne.

    Alcune malattie colpiscono maggiormente gli uomini rispetto alle donne, mentre altre colpiscono più le donne rispetto agli uomini. Fino a poco tempo fa, il perché di questo fatto era un mistero.

    Tuttavia, secondo ScienceDaily.com., i ricercatori dell’Università di Melbourne, in Australia, stanno avvicinandosi alla spiegazione di questo fenomeno. Hanno infatti scoperto delle differenze sostanziali tra le cellule T regolatorie negli uomini e nelle donne, ed hanno anche trovato una cellula nativa nel sistema immunitario che comunica specificatamente con gli ormoni sessuali maschili.


    Cellule e virusNutrienti per il sistema immunitario

    È risaputo che il sistema immunitario agisce in maniera diversa a seconda di chi siamo, quanti anni abbiamo ed in che stato di salute ci troviamo. Ma la novità è che ci sono differenze significative tra i due generi, e questo può rivelarsi utile alla scienza in relazione al trattamento futuro di malattie che colpiscono uomini e donne in modo diverso.

    È anche un fatto stabilito che il nostro sistema immunitario richiede determinati nutrienti per poter funzionare correttamente – indipendentemente dal genere. Nei periodi in cui il sistema immunitario è messo a dura prova dall’oscurità, dal freddo, dallo stress o da altri fattori limitanti, può essere una buona soluzione assumere degli integratori con questi nutrienti per rinforzare la nostra alimentazione.
     

    Integratori di vitamina D per il periodo invernale

    La vitamina D, la vitamina C ed il selenio sono alcuni dei molti nutrienti che contribuiscono alla normale funzione immunitaria. Durante il periodo invernale, può risultare difficile avere sufficiente vitamina D perché il sole è molto basso in cielo e perché il quantitativo di vitamina D nel nostro cibo non si avvicina nemmeno lontanamente al quantitativo del nutriente che produciamo quando siamo esposti ai raggi del sole nel periodo estivo.

    La vitamina D è una vitamina lipo-solubile, per questo il prodotto D-Perle 1000 contiene vitamina D3 biologicamente attiva in olio di oliva spremuto a freddo, proprio per aumentare l’assorbimento intestinale della vitamina. Le piccole capsule di gelatina molle sono prodotte in Danimarca sotto un severo controllo farmaceutico.

    Ancora più difficile è assumere il quantitativo di selenio necessario dall’alimentazione, dato che i terreni agricoli alle nostre latitudini sono poveri di selenio. Di conseguenza, i prodotti coltivati su questi terreni contengono meno selenio rispetto ai prodotti coltivati in altre parti del mondo.

    Un integratore di selenio organico come il lievito di selenio brevettato, SelenoPrecise, ha una biodisponibilità superiore che può essere documentata. Se scegli l’integratore di selenio chiamato BioAttivo Selenio+Zinco, hai anche lo zinco, un altro minerale che contribuisce alla normale funzione immunitaria.

    Packshot D-Perle 1000 Packshot BioAttivo Selenio+Zinco