Nome: Sig. Salvatore

Domanda:
Vorrei integrare la dieta di mia madre (84 anni) con Coenzima Q10 ad alto dosaggio 300 mg per compensare la perdita della stessa sostanza ad opera della statina e dalla scarsa produzione endogena. Mia madre è fibrillante ed è in terapia con Sintrom. Gradirei sapere se L'interazione tra l'anticoagulante ed il coenzima q10 è reale o presunta e quali rischi potrebbe correre il soggetto che li assume contemporaneamente. Grazie


Risposta:
Vorrei precisare alcuni punti:
1) l'assunzione di statine non determina perdita di CoQ10, ma ne riduce la sintesi, ripeto riduce, non annulla;

2) una dieta equilibrata, specie se presente pesce azzurro, contiene quantità di CoQ10;

3) il soggetto anziano ha una capacità ridotta di assorbimento del CoQ10, specie nella sua forma ossidata (ubiquinone), quindi converrebbe usare la forma ridotta (ubiquinolo) e nel qual caso basterebbe un dosaggio più basso di 300 mg.;

4) una delle pochissime avvertenze nell'utilizzo del CoQ10 e la sua assunzione con anticoagulanti (Coumadin o Sintrom), poichè potrebbe interferire nel loro metabolismo aumentando o riducendo il loro potere anticoagulante. Bisogna precisare che ciò non avviene solo per il CoQ10, ma per molti farmaci di uso ed ABUSO comune (antibiotici, antiinfiammatori, antimicotici ecc..), così come per alimenti (specie verdure a foglia larga); per cui se si dovesse assumere il CoQ10, è necessario monitorare con maggiore frequenza l'INR (indice di laboratorio dal quale il medico prende spunto per ottimizzare il dosaggio dell'anticoagulante) rivalutando un' eventuale correzione posologica del Sintrom, nel caso specifico.

Cordiali saluti Dr. Sergio Licata Cardiologo accreditato ASP n.1 (Agrigento)